• Home
  • Mappa del sito
  • Sito accessibile

BICI BUS dall'8 al 30 giugno 2019

Con la bicicletta fra il carso e il mare con la possibilità di transfert con bicibus. SERVIZIO GRATUITO

per maggiori informazioni

VISITA GUIDATA

AL MUSEO DELLA CANTIERISTICA E AI CANTIERI NAVALI luglio 2019

programma visite
Pause

Affidamento ceneri ai familiari

Dipende da: Servizi funebri e cimiteriali

L’affidamento di un’urna cineraria deve essere autorizzato dal comune di decesso, sulla base dell’espressa volontà del defunto che deve chiaramente ed inequivocabilmente emergere da:

·disposizione testamentaria o dichiarazione autografa (da pubblicare ai sensi dell’art.620 del Codice Civile);
·dichiarazione resa al comune di residenza o di fronte a pubblici ufficiali;
·iscrizione ad associazioni riconosciute: per l’affidamento delle ceneri è sufficiente la
presentazione di una dichiarazione in carta libera datata e sottoscritta dall’associato o, se questi non sia in grado di scrivere, confermata da due testimoni, da cui risulti la volontà che le proprie ceneri siano affidate ed il soggetto affidatario. La dichiarazione è convalidata dal legale rappresentante dell’associazione.

In mancanza di tali disposizioni testamentarie, la volontà del defunto di affidamento
delle ceneri deve essere manifestata dal coniuge o dal parente più prossimo individuato secondo gli artt. 74-75-76 e 77 del Codice Civile; nel caso di concorrenze di più parenti dello stesso grado, è sufficiente che si esprima la maggioranza di essi. Per i minori e le persone interdette la volontà è manifestata dai legali rappresentanti. Nell’ipotesi di concorrenza di soli due parenti dello stesso grado, la volontà sarà espressa da entrambi.

La volontà del defunto dovrà essere espressa anche in merito all’individuazione dell’affidatario che può essere anche una persona diversa dai familiari. Non è possibile l’affidamento congiunto a più soggetti, tranne nel caso in cui il defunto abbia disposto il collocamento dell’urna dopo la morte dell’affidatario. Il nuovo affidatario dovrà comunque richiedere nuova autorizzazione al comune.

In caso di rinuncia dell’affidatario, l’urna verrà consegnata e conservata presso il cimitero comunale, ovvero presso un cimitero scelto dall’affidatario, il quale si assumerà anche gli eventuali oneri derivanti dalla conservazione.

In caso di decesso dell’affidatario, chiunque rinvenga l’urna è tenuto a consegnarla al
cimitero comunale.

In caso di trasferimento dell’urna in altro comune, l’affidatario è tenuto a dare comunicazione, entro 30 giorni, al comune di ultima residenza del defunto e al comune di nuova destinazione dell’urna.

Tag